Victoria Falls, in Africa: le cascate più spettacolari del mondo

Victoria Falls, in Africa: le cascate più spettacolari del mondo

CONDIVIDI

Le Cascate Vittoria, o Victoria Falls che dir si voglia, sono uno dei posti più incantevoli del mondo, tanto da essere nei primi posti nella classifica delle cascate più spettacolari sparse per i quattro continenti. Situate lungo il confine geografico e politico tra gli Stati dello Zambia e dello Zimbabwe, le Victoria Falls sono state inserite dall’Unesco nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità. La spettacolarità del sito è amplificata dal paesaggio circostante, dove si può dire che una natura incontaminata la faccia da padrone.

Il territorio che circonda le cascate, infatti, è quello di due parchi nazionali, che prendono il nome di Mosi-oa-Tunya National Park e di Victoria Falls National Park, situati rispettivamente all’interno dei confini dello Zambia e del Zimbabwe. L’acqua che si getta da un’altezza di 128 metri, dando vita ad un suggestivo gioco di spruzzi, è quella del fiume Zambesi, che nel suo corso immediatamente precedente alla cascata accoglie una serie di piccoli isolotti ricoperti da una vegetazione lussureggiante.

Gli studi geologici dimostrano che la formazione delle Victoria Falls deriva dalla costante opera di erosione da parte delle acque dello Zambesi della roccia basaltica, e quindi particolarmente friabile, dell’altopiano. Quello che colpisce della Victoria Falls, oltre alla loro considerevole altezza, è l’ampiezza del loro fronte, che si estende per più di un chilometro e mezzo, generando tante nuvolette di condensa che sono già visibili ad una distanza di 40 km. Trovarsi nei pressi dell’imponente massa d’acqua che si riversa nella sua gola profonda vuol dire essere immersi in un frastuono di suoni, che si confondono con i versi degli animali del parco nazionale.

Non è certo un caso che originariamente il nome dato dai nativi del luogo alle cascate fosse quello di Mosi-oa-Tunya, che letteralmente sta a significare „fumo che tuona“. Fu a partire dalla spedizione dello scozzese David Livingstone, che per primo visitò il luogo nel 1855, che le cascate presero il nome di Victoria Falls, in onore dell’allora regina d’Inghilterra Vittoria. Tappa obbligata per chi decide di visitate le Victoria Falls è la cosiddetta „Piscina del Diavolo“, o „Devil’s Pool“. Si tratta di un piccolo specchio d’acqua situato in cima alla cascata, in prossimità del bordo da cui l’imponente massa d’acqua si getta a valle. I visitatori più avventurosi, debitamente accompagnati dalle guide del posto, cedono alla tentazione di immergersi in questo tratto di fiume per farsi ritrarre in cima ad uno dei tetti più alti del mondo. Questo è possibile però solo nella stagione secca, quando la corrente non ha la forza sufficiente per trascinare con sé a valle i turisti più impavidi.