Barbecue: dalle bistecche Tomahawk alle verdure grigliate

Barbecue: dalle bistecche Tomahawk alle verdure grigliate

CONDIVIDI

Carne e barbecue rappresentano un binomio che, soprattutto nel corso dei mesi estivi, risulta vincente. Nonostante il successo della cucina vegan, e una maggiore attenzione verso un’alimentazione che predilige il consumo di frutta e vegetali, la passione per la cottura alla brace non sembra risentirne. Sempre più persone, infatti, scelgono di dedicare le proprie domeniche al barbecue, cucinando per la famiglia e gli amici; anche sagre e fiere dedicate a questa modalità di cottura vengono costantemente prese d’assalto.

Tra i numerosi tagli ideali per la griglia, uno dei più insoliti è quello denominato „Tomahawk“. Si tratta di una bistecca il cui nome deriva dalla sua evidente somiglianza all’ascia divenuta famosa grazie ai film sugli indiani. I nativi americani, infatti, erano soliti utilizzare come arma un’ascia dotata di un lungo manico, lanciata in aria per colpire il bersaglio (solitamente un avversario). In ambito culinario, la bistecca „Tomahawk“ viene ottenuta da un manzo australiano che rappresenta un incrocio tra il Kobe Wangyu Beeg e il Black Angus; in particolare, è estratta dal „cuberoll“, una parte molto pregiata del bovino. La costata presenta una costola di circa 30 centimetri, che non viene tolta prima della cottura, ma solamente ripulita da carne, cartilagini e grasso, finendo per assumere nel piatto un aspetto molto scenografico.

La costata si caratterizza per uno spessore superiore ai 4 cm, che può raggiungere anche gli 8 cm; il peso, in quest’ultimo caso, può toccare i 2 kg. La cottura ha una durata di circa 20 minuti, tempo necessario per cauterizzarla perfettamente, e viene eseguita su una piastra molto calda; al termine, è sufficiente condire con dell’olio extravergine di oliva e con del sale grosso. Ha ottenuto un grande successo soprattutto negli Stati Uniti, ma potrai gustarla anche nel resto del mondo, ovviamente scegliendo le Steak House migliori.

Se la carne è l’elemento cardine di ogni barbecue che si rispetti, immancabili sono anche le verdure, che donano colore e favoriscono la masticazione di bistecche e salsicce. Qualsiasi verdura è ideale per la cottura alla brace, dalle zucchine ai peperoni, passando per cipolle e melanzane e terminando con pomodori e finocchi. Se desideri ottenere ottimi risultati, sia per la carne che per le verdure procedi inizialmente con una marinatura in aceto balsamico, aglio, olio extravergine d’oliva, sale e pepe, in grado di conferire agli alimenti un sapore unico. Le verdure, una volta cotte, possono anche essere arricchite con delle salse, meglio ancora se preparate in casa..